La differenza tra arte tradizionale e arte digitale

Viviamo all’inizio del XXI secolo, anche se questo “nuovo” secolo non ha soddisfatto le aspettative, come molti di noi l’hanno immaginato in modo diverso – con macchine volanti, città futuristiche, case paesaggistiche hi-tech e, naturalmente, senza crisi e insignificanti – tuttavia, molte cose sono cambiate, almeno per quanto riguarda la tecnologia. Utilizziamo i computer nello shopping online, ordinando prodotti, giocando a giochi virtuali, giochi d’azzardo online e in qualche modo godiamo nel nostro mondo digitale personale.

Arte e cultura digitale

La piattaforma non è un nuovo termine. Appare nelle tecnologie digitali, ottiene un nuovo livello di significato e viene utilizzato in settori quali l’industria IT e il business. È inevitabile quando si tratta di software, hardware, sistemi operativi, interfacce e spazi virtuali, e quindi la sua attualizzazione è legata alla cultura digitale in cui viviamo.

Naturalmente, una delle caratteristiche chiave del momento attuale sono le tecnologie digitali. Sebbene il loro fenomeno sia legato al secolo precedente, è solo dopo il 2000 che si può parlare della cultura digitale, poiché da allora sono stati inevitabili in quasi tutti i piani e, allo stesso tempo, sono diventati parte integrante della vita quotidiana. Fino agli anni Sessanta, l’opera d’arte era portatrice di significato (questo è il modello dominante associato alla comprensione modernistica dell’arte), e sin dagli anni sessanta, la mostra diventa portatrice di significato (il migliore indicatore di ciò è l’installazione e una serie di progetti post-studio in cui la realizzazione del lavoro è inseparabile dalla sua presentazione).

Ciò che ha reso la cultura digitale dominante è il funzionamento dell’opera d’arte come informazione che viene distribuita attraverso tutti i canali di comunicazione esistenti, sia artistici che non artistici.

Arte tradizionale

Attraverso questo argomento, si pone l’accento sulla necessità di conoscere e comprendere il patrimonio culturale come risorsa condivisa, aumentare la consapevolezza della storia e dei valori artistici comuni. Gli artisti sono stati coinvolti in eventi e progetti attraverso la promozione del patrimonio culturale nazionale, contribuendo a rafforzare il senso di appartenenza. L’ispirazione si trovava ovunque. Nella natura, siti archeologici, architettura, tradizioni folcloristiche, stili artistici e architettonici, competenze tradizionali, conoscenze e credenze, abitudini, il cibo, la letteratura, l’arte.

Quando parliamo di arte contemporanea, questo cambiamento potrebbe non essere così visibile. Le pratiche artistiche all’inizio del XX secolo non differiscono molto da quelle del 20 ° secolo. Questo è vero per il modernismo guidato dall’astrazione e dalle avanguardie, da cui derivano le arti concettuali. Anche oggi artisti dipingono quadri astratti e, di tanto in tanto, ci sono testi sul ritorno del modernismo, e al postmodernismo.

In precedenza, l’istituzione era quella che offriva l’opportunità di riconoscere determinati argomenti artistici come rilevanti e quindi li posiziona in istituzioni artistiche attraverso mostre, testi, monografie, acquisti, costruendo così il suo status autonomo. Ora, per il soggetto artistico, l’autonomia non è rilevante, ma la rete entro la quale è costituita come autore. Fa collegamenti con altri attori sulla scena dalla sua produzione, sia artistica, curatoriale, critica.

Leave a Reply