Arte spaziale

Space art è un nome per un genere molto ampio, presente in quasi tutte le arti visive che nasce dalla conoscenza o idee legate al viaggio nello spazio. Il fondatore della rivista che si occupa di questo genere ha cercato di definire le basi dell’arte spaziale come un’arte, affermando che questa potrebbe essere un’arte che esplora le esperienze create viaggiando nello spazio (cioè film, pittura e fotografia).

L’arte di questo tipo, per gran parte della sua esistenza, è stata chiusa nel circolo delle riviste di fantascienza, e solo di recente, con la maggiore disponibilità di tecnologia di viaggio nello spazio, sono stati fatti tentativi di differenziazione di genere o aspirazioni artistiche più serie. Adesso si può dire che questo genere è nella fase in cui il cinema era in progresso, e quando per es. l’ingresso del treno alla stazione, era sufficiente per sollevare gli spettatori dal sedile – che erano affascinati dagli aspetti tecnici ma ancora non soddisfatti.

Opere create nell’universo

È certo che la prima scultura è stata realizzata per le condizioni cosmiche, la Space Dancer dello scultore svizzero Arthur Woods, e le prime opere d’arte dell’universo sono i dipinti di Franco Pietronigro che, con un gruppo di artisti, ballò, fotografò, e provò a fare antigravitazione coreografia.

Un progetto simile è stato realizzato dal gruppo britannico di artisti Arts Catalyst, ma con artisti più ambiziosi e seri,  che per quattro anni hanno organizzato una serie di voli in cui gli artisti hanno sperimentato in tutte le forme: pittura, scultura, fotografia e performance.

I più importanti rappresentanti dell’arte

David A. Hardy è considerato il più vecchio rappresentante di questo genere da quando ha pubblicato le prime illustrazioni nel 1954 quando aveva 15 anni e quando l’unica fonte di immagini dell’universo era un telescopio. Le sue opere d’arte sono spesso utilizzate come copertine e illustrazioni per libri di testo sull’astronomia, e parallelamente a questo ha lavorato con diverse riviste dedicate alla fantascienza. Lo stile di Hardy varia nel corso degli anni, ma dopo era più rivolto alla tecnologia.

Don Davis è uno degli artisti spaziali di maggior successo commerciale. Ha collaborato con la NASA su numerosi progetti e illustrazioni adatte (estremamente realistiche come l’esposizione di una spedizione lunare al futuristico, come le immagini di potenziali colonie umane su Marte). Insieme a questo, Davis ha collaborato con il famoso fisico Carl Sagan per creare una serie educativa di documentari – Cosmos. I lavori sono spesso dominati da forme sferiche e il motivo frequente è l’impatto degli asteroidi.

Andreas Nottebohm è un artista d’avanguardia tedesco, la cui pittura, tra le altre cose, è legata all’immaginazione dell’esplorazione dell’universo. NASA ha usato il suo lavoro su alluminio nelle mostre per l’anniversario del lancio dello Space Shuttle Columbia. Negli ultimi anni, Nottebohm ha fatto un lavoro che “collega il lavoro a diversi metalli con suoni esterni.

Leave a Reply